FESTIVAL DELLE FRONTIERE, tre giorni di approfondimenti, interviste, documentari, mostre fotografiche ed escursioni per riflettere sul concetto di Frontiera, declinato in questa edizione nella sua accezione di Viaggio e raccontato su tre linee temporali: passato, presente e futuro.
📍 Il festival si svolgerà a Treviso, presso Piazzetta S. Parisio.
🟢 L’ingresso è GRATUITO, per accedere agli eventi è obbligatorio esibire il GREEN PASS.
IL PROGRAMMA COMPLETO:
VENERDI’ 24 SETTEMBRE:
🎉 20.45 Inaugurazione ufficiale del Festival delle Frontiere e presentazione del programma.
🚗 21:00 Intervista alla crew di Assa Far.
Andrea, Daniele ed Enrico ci racconteranno cosa significa preparare e partecipare alla Mongol Rally corsa più pazza del mondo. Un’incredibile avventura di quasi 25.000 mila km, da Londra a Ulan Bator in Mongolia, senza mappe digitali o supporti di qualsiasi genere a bordo di un mezzo decisamente “speciale”.
SABATO 25 SETTEMBRE:
👩 16:30 Approfondimento “Le donne esploratrici del passato e la parità di genere” con Nadia Cario di Toponomastica Femminile.
Grazie al contributo di Toponomastica Femminile, attraverso dei pannelli infografici appositamente allestiti, avremo la possibilità di scoprire le incredibili e poco conosciute vite di molte donne esploratrici del passato. Queste storie forniranno degli spunti per parlare insieme a Nadia Cario di disparità di genere e importanza delle pari opportunità nella società contemporanea.
Durante l’approfondimento saranno inoltre proposte delle letture tratte dai diari e memorie di alcune fra le più famose donne esploratrici, a cura del gruppo Letture sPaesate.
Nadia Cario è referente per il Veneto di Toponomastica Femminile, associazione che svolge attività di sensibilizzazione in tutta Italia per restituire voce e visibilità alle donne che hanno contribuito a migliorare la società.
📷 20:45 intervista a Emanuele Confortin.
Giornalista, fotogiornalista e documentarista indipendente. Ha condotto progetti a medio e lungo termine in Asia, Europa e Medio Oriente. Tratta in prevalenza di aree di crisi, di migrazioni, di cambiamento climatico e di minoranze ai margini della società moderna.
🎥 21:30 proiezione del documentario “Kinnaur Himalaya” (Italia, 76’) di Emanuele Confortin.
Il Kinnaur è un distretto tribale dell’Himalaya indiano, posto sul delicato confine sino-indiano. Qui, nel 2003 il regista ha intrapreso “il lavoro di una vita”, concluso nel 2020. Unendo approccio antropologico e inchiesta giornalistica, il documentario Kinnaur Himalaya indaga i cambiamenti sociali dettati dalla diffusione di nuovi modelli economici e dal riscaldamento globale.
DOMENICA 26 SETTEMBRE:
🌲 09:00 – 11:00 Escursione naturalistica presso il Parco dello Storga a cura di Naturalmenteguide.
Il Parco dello Storga, un polmone verde alle porte di Treviso e uno scrigno di biodiversità.
Faremo un piccolo viaggio insieme alla scoperta di questo bel bosco, ammirando risorgive, pioppi giganti, platani colonnari e gallinelle d’acqua. Parleremo di animali e di piante per scoprire tante storie e curiosità di un Natura che qui trova spazio. Adatto anche ai bambini
Durata: 2h circa
Lunghezza: 4.5/5 km
Dislivello: assente
Punto di partenza: parcheggio vicino museo etnografico case piavone, via cal di breda 130
Prezzo: 15 euro fino ai 12 anni , dai 12 ai 6 anni 8 euro, gratis sotto i 6 anni
Prenotazione obbligatoria.
🚀 16:30 Approfondimento “Viaggiare nel furuto” con Valentina Doorly.
Esploreremo i Mega-Trends del turismo europeo e le nuove mete più ricercate nei prossimi anni, scopriremo in anticipo cosa significherà il ‘viaggiare’ del domani seguendo i più importanti fenomeni sociali economici ed ambientali che ci vedono protagonisti ogni giorno.
Valentina Doorly è Senior Business Advisor e Futurista per il settore Turismo & Ospitalità, ha sviluppato la propria carriera manageriale tra Italia e Irlanda, promuovendo strategie trasformative per imprese e territori. Vincitrice di tre premi nazionali di marketing internazionale, digitale e turistico tra cui il prestigioso AIM (All Ireland Marketing Awards).
📷 19:15 Presentazione della mostra fotografica “Moria: dove finisce l’Europa” con la curatrice Paola Viola e il fotografo Mattia Bidoli referenti di Una mano per un sorriso – For Children.
L’obiettivo della mostra fotografica è una denuncia sulla realtà dell’isola di Lesbo, sede dell’hotspot più grande d’Europa: il campo profughi di Moria. In questa Mostra vengono affrontate 20 tematiche riguardanti la vita dei rifugiati a Moria.
Una mano per un sorriso – For Children
è una ODV italiana che opera a livello nazionale e internazionale con l’intento di sviluppare progetti umanitari rivolti alla difesa dei diritti dell’infanzia e alla lotta alla marginalità. Attualmente è operativa in Africa, Siria, Turchia, Grecia, Bielorussia e Medio Oriente.
PER TUTTA LA DURATA DEL FESTIVAL SARANNO ESPOSTE:
– La mostra fotografica “Moria: dove finisce l’Europa” a cura di Una mano per un sorriso – For Children.
– La mostra infografica “Le donne esploratrici del passato” a cura di Toponomastica femminile.
————————-
Evento è organizzato all’interno del programma SediciTrenta di Progetto Giovani Treviso e del Comune di Treviso.
————————-
Associaizone Agorà
Agorà è un’associazione no-profit attiva nella provincia di Treviso, che vuole essere un luogo di scambio e confronto propositivo, con l’obiettivo di contribuire a migliorare l’ambiente in cui viviamo ed incentivare il fermento culturale locale.
Organizziamo e promuoviamo eventi socio-culturali, mostre artistiche, concerti, storytelling, dibattiti e conferenze.
Offriamo punti di vista alternativi su notizie e tematiche d’attualità per stimolare idee e progetti, aprendo spiragli per nuove prospettive.
Per vedere tutti i nostri eventi visita il nostro sito a questo link: https://agoratheblog.wordpress.com/

Leave a comment